Volontariato, oltre 160 pubblicazioni al Salone del libro

ROMA. Oltre 160 pubblicazioni, alcune in formato cartaceo, molte nell’agile e moderna versione in e-book, 20 Centri di Servizio in rappresentanza di 10 regioni italiane: Abruzzo, Calabria, Emilia-Romagna, Marche, Lombardia, Piemonte, Sardegna, Sicilia, Toscana, Veneto  Salone del Libro 680x510

Questi i numeri della presenza del Sistema dei Centri di Servizio per il Volontariato italiani, attraverso il Coordinamento Nazionale CSVnet, con il supporto operativo del Centro Vol.To, al Salone del Libro di Torino. Una presenza che si configura con caratteristiche analoghe a quelle dell’azione che quotidianamente i Centri di Servizio (CSV) compiono a favore del Volontariato: operativa, concreta, sostanziale.

“Volontari tipi italiani” il filo conduttore del grande stand, P33 padiglione 3, in cui i Centri di Servizio presenteranno una vasta selezione delle pubblicazioni realizzate nel corso degli ultimi anni, dai Centri stessi e soprattutto dalle Associazioni di Volontariato: uno spaccato non solo dell’impegno e della dedizione spontanea e gratuita che accomuna tutto il Paese e muove decine di migliaia di persone, ma anche delle azioni realizzate, delle problematiche riscontrare e di soluzioni possibili e praticabili. Una miniera di buone prassi, di analisi, di dati ed esperienze raccolte sul campo in numerosi e variegati ambiti: solo per citarne alcuni, l’accoglienza dei migranti, l’Alzheimer, la conservazione del patrimonio artistico e culturale, il dissesto idrogeologico, il mondo carcerario, i finanziamenti comunitari, l’orientamento e l’inserimento dei Volontari.

“Una ricchezza inestimabile che offre innumerevoli spunti di dibattito, confronto e condivisione – commenta Silvio Magliano, Presidente del Centro Servizi Vol.To di Torino e Vice Presidente di CSVnet – Il Volontariato, peculiarità dell’Italia e degli italiani, si presenta al Salone del Libro con tutto il suo patrimonio di Solidarietà, di Carità e di libertà: negli anni bui della crisi, il Volontariato è stato un’indispensabile sentinella dei bisogni delle persone e collante fondamentale per la nostra società, dando un contributo enorme in termini di servizi, ma anche e soprattutto di ottimismo e di fiducia. Un ruolo che, nella nostra qualità di Centri di Servizio, chiamati per legge a sostenere l’azione dei Volontari, non possiamo che ribadire e sottolineare di fronte a una platea enorme e internazionale come quella del Salone del Libro: tra le meraviglie d’Italia, gli italiani, con la loro passione e il loro desiderio di essere a fianco di chi è in difficoltà, rappresentano un’eccellenza tra le eccellenze”.

“Siamo molto soddisfatti di rendere presente la rete dei CSV a questo importante appuntamento culturale – afferma il presidente di CSVnet, Stefano Tabò. “Le esperienze che porteremo testimoniano il significato della presenza dei Centri di Servizio per il Volontariato, mostrando a tutti i visitatori del Salone del Libro, il pensiero e le innovazioni del volontariato italiano. Un sistema, quello dei CSV, peculiare nel panorama internazionale che la riforma normativa del terzo settore in corso ha la possibilità di valorizzare ulteriormente”.

Fonte: volontariatoggi.info