ANPAS Emilia-Romagna, nasce l'infopoint a disposizione del volontariato e della Protezione Civile

Nasce Infopoint Anpas, una banca dati a disposizione del mondo del volontariato (e non solo) che si occupa di protezione Civile. Un'esperienza regionale da estendere su tutto il territorio nazionale.  img 59857 98936

Il progetto si sviluppa su base regionale, con snodi nelle varie province dell'Emilia Romagna, ma è destinato ad allargarsi su base regionale, spiega il coordinatore regionale Anpas Paolo Rebecchi.

Tra i protagonisti del progetto anche l'informativo Francesco Fermi, preposto allo sviluppo tecnologico di Infopoint, e di Jessica Giannatiempo, studentessa di Medicina dell'Università di Modena e Reggio, che si occuperà dello start up del progetto oltre di far partire il gruppo che in Regione strutturerà il data base informativo.

Ma come funzionerà Infopoint? Sarà il collettore di tutte le informazioni in materia di protezione civile (ad esempio anche novità in campo normativo ecc), destinate a circolare in una prima fase su una base ristretta per poi essere diffuse su siti e, nell'ultimo step, divulgate anche alla popolazione, con l'utilizzo di newsletter, social network ecc, nell'ottica di un'informazione sempre più 2.0.

LA NOTA UFFICIALE - Questa mattina in data GIOVEDI 23 LUGLIO alle ore 13, presso la sede di rappresentanza ANPAS Comitato Provincia di Piacenza, in Via Emilia Parmense 19, il RESPONSABILE REGIONALE di PROTEZIONE CIVILE ANPAS Emilia Romagna Paolo REBECCHI ha presentato alla stampa il Progetto infoPOINT. Presenti con lui Francesco Fermi, informatico che si occuperà dello sviluppo tecnologico e dell’implementazione del progetto, e Jessica Giannatiempo, studente di Medicina presso l’Università di Modena e Reggio Emilia che avrà il compito di seguire lo start up e avviare il gruppo che nella regione strutturerà il data base informativo.

Rebecchi ha spiegato l’importanza di questo strumento che costituirà “la prima banca informativa” del servizio di Protezione Civile di ANPAS per Emilia Romagna. Lo scopo di questo social media management, come viene chiamato in gergo informatico, è quello di fare rete tra le singole realtà ANPAS in prospettiva di estensione provinciale, regionale, e successivamente nazionale e internazionale; essere storage quindi di informazioni ricevute, immagazzinate, rielaborate e poi diffuse a cascata, fare cultura e filtraggio di notizie acquisite dal web e/o dai canali istituzionali attraverso pratica di scouting periodico promuovendo la comunicazione integrata su diverse piattaforme web 2.0 quali siti di social networking, foto/video/slide sharing, my space, blog (account istituzionale This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it., Facebook, Twitter, Youtube).

L’idea è quella di rendere questo strumento un supporto informazionale ad affiancamento delle strutture di Protezione Civile sul campo attraverso questo flusso continuo di informazioni a carattere operativo e gestionale, a divulgazione massiva accessibile a tutta la popolazione e aperto anche alla popolazione esterna al mondo ANPAS. La prospettiva sul lungo termine prevede che venga in ultimo collegato al sito ufficiale ANPAS nella forma di hot stuff/breaking news a configurazione appunto di un flusso informazionale rapido, costante e sempre aggiornato.

 

Fonte: piacenzasera.it

Sei qui: Home Attività Protezione Civile ANPAS Emilia-Romagna, nasce l'infopoint a disposizione del volontariato e della Protezione Civile